Capri. Tornano in mare tartarughe Caretta Caretta

Sette gli esemplari liberati a largo di Punta Carena: tra questi anche la tartaruga U6, nata in cattività
di Marco De Rosa - 15 Giugno 2017

Grande giornata per la Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, impegnata nella liberazione di sette esemplari di tartaruga marina Caretta caretta. L'operazione, avvenuta a 2 miglia da Punta Carena, in prossimità delle acque di Capri, ha consentito il ritorno in mare di Belizzi, Maria Teresa, Melì, Mimì, Cocò, Lina e al primo contatto con il proprio habitat naturale per la tartaruga U6, nata in cattività.

Storie particolari che si intrecciano quelle delle piccole grandi tartarughe. Ultima in ordine di liberazione, U6 ha una storia commovente e a lieto fine. Nata nell'Ottobre del 2014 e adottata dagli esperti della SZN, la tartaruga senza nome appartiene ad una nidificazione proveniente da Pizzo, segnalata dal Professor Antonio Mingozzi dell'Università della Calabria. Una nascita monitorata ma tortuosa quella della piccola.

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA PHOTOGALLERY DIFFUSA DALLA STAZIONE ZOOLOGIA ANTON DOHRN

I suoi primi mesi di vita si rivelarono per niente facili. Infatti, le immagini diagnostiche, realizzate presso il CIRV dal Direttore Leonardo Memomartino, evidenziarono la presenza di un ascesso polmonare importante. La situazione sembrava essere compromessa a tal punto da rendersi necessario un intervento mirato. Viene operata nel 2015 presso la clinica chirurgica del dipartimento di Medicina Veterinaria dell'Università Federico II di Napoli dal Professor Francesco Lamagna e dal Medico Veterinario della SZN Andrea Affuso. U6 dopo anni di clinica e di terapie ha potuto finalmente ricominciare una nuova vita. Grazie alla dedizione e al lavoro degli esperti della Stazione Zologica Anton Dohrn, coordinarti dalla Dottoressa Sandra Hochscheid, Responsabile Centro Ricerche Tartarughe Marine SZN, si è compito, dunque, un vero e proprio miracolo.

“Il nostro lavoro prosegue con il monitoraggio dei movimenti che ci verranno segnalati da una tartaruga, Lina, a cui è stato apposto un dispositivo  GPS che ci consentirà di capire e seguire  ogni spostamento”, ha affermato la Dottoressa Sandra Hochscheid. L'operazione di liberazione si è svolta grazie alla costante attività della squadra della Gdf, sempre attiva per la difesa dell'ambiente marino: “Siamo sempre pronti a collaborare con la SZN - ha dichiarato soddisfatto il Luogotente Francesco Mastellone - ed è un grande evento per noi partecipare a questo gioioso successo. Spesso siamo testimoni di animali feriti tragicamente, adesso siamo artefici di una nuova vita per queste sette caretta”.

napoli