Teggiano. Alla Tavola della Principessa Costanza: il programma 2018

La rievocazione storica nella cittadina in provincia di Salerno da sabato 11 a lunedì 13 agosto
di Redazione Ecampania.it - 04 Giugno 2018
Teggiano. Alla Tavola della Principessa Costanza: il programma 2018

Edizione del venticinquennale per la manifestazione “Alla Tavola della Principessa Costanza", in programma da sabato 11 a lunedì 13 agosto 2018 a Teggiano, in provincia di Salerno, per una tre giorni all’insegna della storia con la rievocazione del matrimonio tra la Principessa Costanza, figlia di Federico da Montefeltro, Duca di Urbino, e Antonello Sanseverino, Principe di Salerno e Signore di Diano.

La manifestazione sarà, inoltre, un evento artistico e gastronomico nella Diano dei Principi Sanseverino, con l'allestimento di otto taverne negli slarghi e nelle piazzette del centro storico, che proporranno i piatti della tradizione per soste di gusto tra uno spettacolo e l'altro.

La festa, che vedrà coinvolti oltre 500 figuranti, tutti vestiti in abiti medioevali, è organizzata dalla Pro Loco di Teggiano ed è patrocinata dal Comune, dalla Camera di Commercio di Salerno, dalla BCC Monte Pruno e dal Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

Sbandieratori, cortei, mangiafuoco, rievocazioni dell'antico Consiglio Comunale e artisti vari, attraverseranno i suggestivi vicoli della città, offrendo un'occasione di spettacolo unica nel suo genere.

Le origine della Festa Medievale. Nel 1480 Antonello Sanseverino, Principe di Salerno e Signore di Diano sposa Costanza, figlia di Federico da Montefeltro, il grande Duca di Urbino. Dopo le nozze, i Principi si recano in visita a Diano (l'odierna Teggiano) dove, per l'occasione, l'intero feudo ha organizzato grandiosi festeggiamenti in loro onore.

Percorrendo le antiche stradine, il visitatore potrà ammirare fedeli ricostruzioni di ambientazioni e vecchi mestieri come l'arte del fabbro, della terracotta, della pietra, della seta, del coniatore, dell'orafo, del vetraio, del cuoiaio, del cordaio, del maniscalco, del ricamo, della tessitura, della filatura, dello speziale, dello scrivano e inoltre il Corteo Storico, gli Sbandieratori e i Trombonieri, le musiche antiche di Menestrelli e Musici, i Saltimbanchi e i Giocolieri, il Banco di Cambio con gli antichi Coronati, Ducati, Tarì e Tornesi e le Taverne con pietanze medievali.

Le Taverne:
Taverna dei Mori: La taverna è situata in Piazza dei Mori (antica piazza d’arme cittadina), subito dopo il Complesso monumentale conventuale della Santissima Pietà. Questa taverna serve i famosissimi “parmatieddi”, pasta di casa al ragù, preparati per la ricorrenza della Domenica delle Palme.
Taverna Antica: La taverna è situata in piazza Malavolta (Villa), con la cornice del museo diocesano di San Pietro, la chiesa di Sant’Agostino, il Vescovado e l’antico Seminario. Questa taverna serve i cavatelli con i fagioli conditi con la “porva”, polvere di peperoni rossi dolci tipici teggianesi.
Taverna de lo Lupo: La taverna è situata in piazza San Martino. In questa taverna si servono i fusilli al ragù, tipici della tradizione della festa a Teggiano.
Tavena de lo Gallo parlante: La taverna è sita in piazza San Benedetto, a ridosso dell’entrata dell’omonima chiesa annessa al palazzo Malavolta. In questa taverna si serve “lu pizzu” (focaccia tipica teggianese) ripieno con peperoni verdi e salsiccia fritti insieme.
Taverna de l’Assedio: La taverna è posta a ridosso della piazza Sant’Angelo, sede della stupenda chiesa omonima. In questa taverna si serve la scamorza fresca, cucinata ai ferri.
Taverna de la Vecchia Porta: La taverna è posta nella bella piazza dell’Annunziata. In questa taverna si serve la salsiccia fresca, cucinata ai ferri.
Taverna de lo Falco: La taverna è situata in largo Santa Maria, davanti all’ingresso principale della Cattedrale cittadina. La taverna serve i dolci tipici teggianesi e la famosissima torta del duca.

Ecco il programma ufficiale dei tre giorni dell'edizione 2018:

Ore 18:00 – In piazza San Cono gli spari dei trombonieri danno inizio al corteo nuziale, con la celebrazione del matrimonio tra Antonello e Costanza.
Ore 19:00 – Spettacoli di tamburi, sbandieratori, giocolieri, mangiafuoco e trombonieri in onore della Principessa Costanza, di fronte alla tribuna nobiliare.
Ore 20:00 – Apertura delle Taverne, dove si potranno degustare i piatti tipici della tradizione.
Ore 21:00 - Durante la serata, lungo tutto il percorso che si snoda tra le viuzze del paese, si potrà assistere agli spettacoli degli artisti che allieteranno la manifestazione (giocolieri, mangiafuoco, trampolieri, duelli, sbandieratori e tamburini, ecc)
Ore 1:00 – Nella piazza antistante al Castello si potrà assistere allo spettacolare “Assalto”.