Caserma Tofano di Nocera, sede dei reperti archeologici della Campania

Consegnata al MIBACT la struttura, che diventerà un centro polifunzionale di eccellenza
di Maria Cristina Napolitano - 16 Febbraio 2015
Caserma Tofano Nocera

L’ex Caserma Bruno Tofano di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno, destinata a centro polifunzionale di eccellenza. Firmato l’atto per la consegna della struttura dalla Stato al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dove troveranno collocazione e valorizzazione i reperti archeologici provenienti da tutte le Soprintendenze della Campania.

Nasce così un centro di raccolta non solo per reperti archeologici già disponibili, ma anche per quelli provenienti dalle future campagne di scavo, consentendo di promuovere la conoscenza del patrimonio culturale regionale e assicurandone anche una migliore fruizione da parte delle persone diversamente abili.

La firma da parte della Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia, capofila del progetto dà attuazione al protocollo d’intesa dello scorso novembre finalizzato alla valorizzazione e tutela dell’ex Caserma Tofano. L’accordo è sottoscritto oltre che dalla Soprintendenza per Pompei, dalla Soprintendenza per i beni archeologici di Napoli, e da quella per i beni archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta, e inoltre dall’Agenzia del Demanio.

Il verbale è stato firmato dal Soprintendente Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia Massimo Osanna, in qualità di consegnatario del bene per conto del MiBACT, e dal rappresentante della Direzione Regionale Campania dell’Agenzia del Demanio Pierpaolo Russo.

L’operazione permetterà, infine, di razionalizzare e ottimizzare gli spazi in uso alle diverse Sovrintendenze Archeologiche della Campania al fine di ridurre i costi di gestione e  contribuire in questo modo alla riduzione della spesa pubblica.

salerno