Castellammare. Tornano le bibite Faito

Un gruppo di amici-imprenditori pronti a restituire le storiche bibite alla città
di Giuseppe Scarica - 29 Giugno 2015
Castellammare. Tornano le bibite Faito

La notizia gira da un pò, soprattutto sui social, la rinascita delle storiche bibite Faito. La  mente vola coi ricordi, la pubblicità sulle reti locali, l’omino in plastilina che si arrampicava sulla vetta verde del monte, per poi urlare a squarciagola “Faitoooooo” e l’co che di rimbalzo rispondeva, “gassosaaaaaaaaa!!”

Per gli stabiesi e non solo, era un must sulle tavole degli anni ‘80 – ’90 l’Aranciata Faito a Castellammare aveva più mercato della Fanta, in bottiglia di vetro da bere gelida per gli stabiesi era molto meglio della storica bibita della famiglia Coca Cola. Oggi, a quanto sembra, la produzione sta per riprendere ed il comunicato stampa che sta girando in queste ore ne è la conferma.  

“Un esperto di acque da oltre trentʼanni, un instancabile lavoratore che distribuisce bibite allʼingrosso e a domicilio e un consulente marketing,col pallino dellʼeditoria e della comunicazione visiva. Stabiesi da generazioni, i tre personaggi del nostro racconto sono amici di lunga data e si incontrano spesso per un caffè o un aperitivo. La scorsa primavera, nel guardare il barista che versa dellʼacqua a un cliente, i tre amici cominciano a parlare della Castellammare di una volta e di quanto era più buono e genuino quello che mangiavano e bevevano da bambini. E così, da un “ti ricordi questo?”, “…e questʼaltro?”, lʼargomento passa alla mitica aranciata Faito tutti abbiamo bevuto da bambini, e allora diventa quasi una gara a chi ha più ricordi legati alla bevanda. Quello su cui sono tutti dʼaccordo è che, rispetto alle altre aranciate in voga allʼepoca, lʼaranciata Faito aveva un sapore particolarmente gradevole e non lasciava in bocca quel gusto che definiamo “di medicinale”.

Oltre ad essere dei professionisti affermati, i tre amici sono anche dei grandi sognatori, quindi cominciano a fantasticare su un possibile ritorno sulle tavole delle bibite Faito. Sognatori sì, ma non sprovveduti: le sorti dellʼazienda di Castellammare sono ben note a tutti, ma i tre insistono nelle ricerche legate alle formule,alle ricette ed al marchio. La ricerca,instancabile e continuata,ha i suoi frutti: dopo aver assaggiato centinaia di volte la composizione,si arriva al successo. Ci si accorda per lʼimbottigliamento con una onesta e capacissima azienda del nostro comprensorio, si registra il marchio,si parte con la prevendita e la comunicazione al pubblico. “ (Comunicato Stampa)

Ancora pochi giorni e sulle nostre tavole le famiglie rivivranno il sogno ed il gusto di una volta,bevendo prodotti a marchio Faito.

Per Castellammare un nuovo inizio, speriamo bene!

napoli