Una ghiottoneria del mare: l’impepata di cozze

Fresco e facile da preparare, è uno dei piatti partenopei adatti ad ogni occasione
di Maria Cristina Napolitano - 20 Agosto 2014
Impepata di cozze

Un piatto semplice da preparare, ottimo sia come antipasto che come secondo di pesce o uno stuzzichino per attendere le portate, l’impepata di cozze è uno dei piatti principe della cucina napoletana specialmente in estate.

Un piatto versatile, ottime anche con la pasta, le cozze sono semplici e veloci da cucinare. Al rientro dal mare, non si ha voglia di passare troppo tempo ai fornelli, in breve tempo le cozze sono cotte e pronte per essere consumate all’insalata col pepe e un po’ di succo di limone.

Particolarmente adatte anche per essere consumate in riva al mare, godendo di un bel panorama mentre si è coccolati dalla brezza marina, l’impepata è un piatto leggero e non molto calorico.

L’impepata non vanta origini nobili, era considerata in passato un piatto povero, per nulla degno di essere servito sulle tavole dei signori. Fu poi grazie ad un cuoco salentino che vennero inserite nel ricettario ufficiale.

Come preparare l’impepata: pulire attentamente i mitili, anche sul guscio, da raschiare accuratamente. Strappare la barbetta del frutto di mare (detto “struppone” in napoletano). Sciacquarle in acqua fredda e deporle in una pentola piuttosto capiente.

In cinque, sei minuti le cozze saranno cotte e pronte per essere saltate in padella con olio ed uno spicchio d’aglio.

Non appena si aprono vuol dire che sono cotte. Condire con pepe e se piace, un trito di prezzemolo. Servire l’impepata calda, accompagnata da bruschette e fette di limone.

Buon appetito!

napoli