Napoli. Sacralità e passione nella musica a plettro

Concerto di Pasqua alla Casa del Mandolino nella basilica di San Giovanni Maggiore
di Marco De Rosa - 14 Marzo 2016
Napoli. Sacralità e passione nella musica a plettro

Dopo due mesi di crowdfunding la Casa del Mandolino, per ringraziare gli amici che hanno donato un proprio contributo, ha organizzato il Concerto di Pasqua, che si terrà venerdì 18 marzo 2016 alle 20.30 nella Basilica di San Giovanni Maggiore a Napoli.

La Casa del Mandolino, sostenuta da musicisti, appassionati, ma anche da semplici spettatori, sia in Italia che all'estero, mette in campo il suo impegno in quello che vuole essere un appuntamento costante nella città di Napoli con la musica, i turisti, con la formazione di giovani leve e non. Concerti con un'orchestra di strumenti a plettro, voci e versi della tradizione, ma anche tanta contemporaneità.

Per il concerto “Sacro e passione nella musica a plettro” on stage, con l’orchestra della Casa del Mandolino, ci saranno Paola Fiudi (soprano), Mauro Squillante (solista) e Tobias Gonzalez (direttore). Ingresso unico fissato a 10€ a persona.

Il concerto. Gli ensemble mandolinistici del primo Novecento costituirono uno dei veicoli principali di diffusione della musica a tutti i livelli sociali, in un'epoca in cui l'unica maniera di riprodurre brani musicali era eseguirli. In quel periodo, dunque, il repertorio degli strumenti a plettro trattava tutti i generi musicali in voga: dall'opera alla canzone. Il multiforme mondo del mandolinismo italiano del primo Novecento aveva più volte offerto piccoli camei alla musica d'ispirazione religiosa, che seppur non possono definirsi in senso stretto musica sacra o liturgica, a questa si ispira. Di tale produzione, per l'evento in programma, si offrono piccole composizioni di alcuni dei principali protagonisti della letteratura mandolinistica italiana: Carlo Munier, Ernesto Becucci, Giacomo Sartori, Raffaele Calace, Giuseppe Pettine. Ad esse si aggiungono brani di autori sudamericani come Piazzolla e una composizione originale del compositore Tobias Gonzalez, che dirigerà l'orchestra.