Polla diventa per un week end capitale delle arti

Appuntamento clou sarà il concerto finale di Goran Bregović & His Wedding & Funeral Band
di Redazione Ecampania.it - 25 Maggio 2019
Polla diventa per un week end capitale delle arti

Il "Festival Internazionale del Folclore, della Zampogna e della Ciaramella" cambia nome e diventa il Polla Folk Fest, in programma, nella cittadina in provincia di Salerno, sabato 15 e domenica 16 giugno 2019

La manifestazione si preannuncia ricca di novità e si pone l’obiettivo di trasformare il borgo cilentano nella capitale delle arti: concerti di musica folk e musica popolare con artisti italiani e internazionali, teatro, danza e balli tipici folcloristici, visite guidate e degustazioni di prodotti tipici locali.

Direttore artistico della manifestazione è Gigi Di Luca che considera “l’iniziativa rappresenta l’occasione per riconoscersi in radici comuni di cultura attraverso gli strumenti musicali più rappresentativi della tradizione”.

Appuntamento clou sarà il concerto finale di Goran Bregović & His Wedding & Funeral Band, in programma domenica 16 giugno 2019.

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito.

Il programma musicale
Sabato 15 giugno
A partire dalle 19:00

Performances musicali con proiezioni di foto e video sul folclore locale
Giovanni DiDonato Trio | Chiesa di San Nicola dei Greci
Lavinia Mancusi | Chiesa della Santissima Trinità

A partire dalle 20:30 - P.zza Padre Antonio Forte
Degustazione di piatti tipici della tradizione pollese a cura delle associazioni locali.
Danze e balli folcloristici a cura di Gruppo Folk Insteia (Polla) e Gruppo folk" G. Moffa " di Riccia (Molise).
Spettacolo finale a cura di Dj set con DJ UèCervone Sangennarobar.

Lavinia Mancusi
Romana di origini campane, classe ’84.
Dal 2008 la sua ricerca e attività musicale si snoda nel solco della world music e della musica popolare. Come cantante e polistrumentista ha collaborato con Daniele Sepe, Eugenio Bennato, Olen Cesari.
Dal 2015 accompagna il cantautore Alessandro Mannarino nei suoi tour in Italia e all’estero. Con il suo progetto solista è finalista a Musicultura 2019.

Giovanni Di Donato
Poeta, chitarrista e cantautore.
Autore di tre raccolte poetiche e cinque colonne sonore per il Teatro LAB di Salerno, con l’album “A.C.C.L.” (acronimo di Animo Campano Cuore Lucano), ove è contenuta la pluripremiata “Tammurriata di Periferia”, è diventato uno degli artisti più apprezzati e stimati nel panorama ethno-folk italiano.

Dj UèCervone – Sangennarobar
Dj UèCervone, Dario Cervo, è un matematico. All’inizio degli anni ’90 comincia a selezionare e proporre musica World. Il suo suono proviene da un lungo percorso che tocca nel profondo Africa, Salento, America del Sud, India, Balcani, Spagna, Mediterraneo, Cuba, Sicilia, Italia. Accompagna i concerti della Kocani Orkestar, Cesaria Evora, Tambour du Bronx, Cheick Lo, Nuova Compagnia di Canto Popolare, Muchacito Bombo Infierno, Noah e Youssou‘n Dour per il Neapolis Rock Festival, Elio e le Storie Tese. Partecipa all’Ariano Irpino Folk Festival, allo ‘Sguardo di Ulisse’, Gesualdo Folk Festival.
I dj set Sangennarobar portano sulla pista la musica di molte tribù: antiche ed isolate nel tempo, dalle tradizioni popolari intatte; tecnologiche e digitali delle realtà urbane moderne; contaminate dai loro spostamenti o dalla vicinanza con altre tribù. Dalle stesse casse fanno il loro ingresso indiani col sitar, percussionisti africani, argentini con il kahon, ballerine di tango, tarantella, danzatrici del ventre, cantanti bulgare e violinisti nomadi. Si alternano e si mischiano in una danza semplice ed istintiva.
I “devoti” di Sangennarobar sono altrettanto colorati. C‘è il turista straniero di passaggio che riconosce una musica tradizionale del suo paese e si mette a ballare, i gruppi di amanti della taranta e dei balli sul tamburo che danzano in cerchio, gli appassionati della cultura e del sound nero, musicisti sperimentatori amanti degli incroci tra i suoni e tutti i curiosi della musica wordlbeat.

Domenica 16 Giugno
A partire dalle 19:00
Performance Teatrali

Chiesa della Santissima Trinità - "La grande refuta del Marchese de la Polla" | A cura della Artificio Compagnia Teatrale
Chiesa S. Nicola dei Greci - "Maria Marmora" | A cura della LaB laboratorio teatrale –Salerno
Museo Civico "insteia Polla" - "Insteia" | A cura della Compagnia Tempo e Memoria.

Compagnia Artificio
L’Associazione Culturale  "ARTIFICIO” nasce ufficialmente agli inizi del 2007 per la volontà di un gruppo di amici, accomunati dalla passione per il teatro, maturata attraverso anni e anni (fin dal 1985) di esperienze teatrali a livello semiprofessionistiche, dando vita al suo interno alla compagnia teatrale omonima.
Provenendo già da altre esperienze di teatro semiprofessionistico (attore – scenografo - regista), Nicola Piccolo, attualmente Presidente dell’Associazione e Direttore Artistico del Gruppo Teatrale, ha contribuito con la sua pluriennale esperienza nella regia e nell’allestimento teatrale, ad ampliare gli orizzonti portando la compagnia teatrale ad esibirsi su molti palcoscenici in Italia e in varie Rassegne e Festival teatrali nazionali.

Compagnia LAB / Laboratorio Salerno
Un luogo di ricerca e sperimentazione che produca teatro, musica, video e arti visive. Momento di incontro. Aperto al confronto tra culture e linguaggi diversi. Un laboratorio multimediale, un archivio della memoria, una bottega di artigiani e costruttori di prodotti per la cultura e la comunicazione. Vogliamo costruire una rete di curiosità, un mercato non omologato, un occasione per fruitori d’arte.
Costruiamo uno spazio di consumo culturale, non accademico, emancipato e promotore di energie e risorse. IL LUOGO Alcuni locali del complesso di Santa Sofia che hanno un ingresso autonomo che dà su via S.Massimo sono stati affidati temporaneamente al Cirolo ARCI- MUMBLE RUMBLE.
La denominazione dello spazio è: LAB via S.Massimo IL NOME LAB è un acronimo/abbreviazione di laboratorio (Qualsiasi locale o insieme di locali dove più persone attendono ai lavori di un’arte o mestiere: l. di sartoria; l. artigiano; l. di ebanisteria, ecc. ) nel nostro caso si riferisce al teatro e ad altre esperienze legate all’arte e alla comunicazione.

La Gestione
Il progetto oltre all'attività del LABORATORIO TEATRALE è stato anche aperto ad altre associazioni e gruppi teatrali che fanno prove secondo un calendario. All'interno degli spazi si sono tenuti e si terranno performance, mostre e altri appuntamenti culturali. Le attività sono programmate e gestite in collaborazione con altre associazioni, da un gruppo di lavoro.

Compagnia Tempo e Memoria
In epoca augustea ci fu un AMORE così profondo, tra INSTEIA POLLA e GAIO UZIANO RUFO, che segnò la storia del nome della città di Polla. Due famiglie, gli Insteii e i Latinii, si unirono in un memorabile matrimonio.
Qui vivevano i LUCANI, un popolo indomito di pastori e contadini che non si arrendevano mai. Fu innalzato in onore di Gaio Uziano Rufo, magistrato della città di Volcei, l’odierna Buccino da cui Polla dipendeva, dalla moglie, la sacerdotessa di Livia Augusto, Insteia Polla.
Il loro amore durò per ben 55 anni. Alla morte di Gaio, la città di Volcei, organizzò un sontuoso funerale pubblico mentre INSTEIA POLLA volle omaggiarlo con un maestoso mausoleo, ispirato all’Ara Pacis Augusteo di Roma, in cui conservò le sue ceneri. Blocchi di basalto riccamente ornati di serti floreali tra cui tre bucrani e un frammento di festone.
La bella e lunga iscrizione racconta che Insteia fu adottata da Uziano quando era una bambina di sette anni. Poi con il trascorrere degli anni arrivò a prenderla in moglie e la onorò sempre nei cinquantacinque anni in cui vissero insieme. Insteia Polla, nonostante avesse diritto, non si fece seppellire nel mausoleo, ma forse in una umile fossa.
Ciò rende ancor più affascinante la storia del loro amore perché Insteia Polla può essere sepolta in tutto il territorio di Polla e quindi è nel cuore di ogni pollese e di chiunque ama Polla.
Una splendida fanciulla, un uomo del Tempo, una travolgente passione. Tratto da una vera storia d'amore che ha dato il nome a un paese.

Domenica 16 Giugno
Ore 20:30 - Piazza Padre Antonio Forte
Goran Bregović & His Wedding & Funeral Band in concerto

Molti artisti sarebbero felici con solo un frammento della carriera di Goran Bregovic. Compositore contemporaneo, musicista tradizionale o rock star, non ha dovuto scegliere – ha combinato tutto per inventare una musica che è allo stesso tempo universale e assolutamente sua.
Bregovic porta in sé il melting pot che prova a raccontare nel nuovo album. “Io sono di Sarajevo, sono nato su una frontiera: l’unica dove si incontravano ortodossi, cattolici, ebrei e musulmani. Mio papà è cattolico, mia mamma è ortodossa, mia moglie è musulmana. E mi sento anche un po’ gitano, forse perché per mio padre, colonnello dell’esercito, era inaccettabile che facessi il musicista, un mestiere “da gitano”, come diceva lui”. 
Pochi musicisti sono riusciti a sviluppare un’arte così varia, che combina insieme una così grande varietà di stili e tecniche senza perdere la propria identità. Un pezzo di Bregovic può essere riconosciuto al primissimo ascolto e sembra sempre diretto al mondo intero, senza distinzione di razza, sesso, età e religione.
Il concerto in tour la prossima estate 2019, presenterà gran parte dell’ultimo disco “Three Letters from Sarajevo”, ma anche i grandi successi e le indimenticabili colonne sonore che lo hanno reso celebre.

Ecco il programma delle visite guidate alla scoperta delle Chiese e dei luoghi storici del borgo di Polla, in programma sabato 15 e domenica 16 giugno 2019 dalle ore 17.00 alle ore 20.00.

Ore 17.00 Visite guidate gratuite a cura dell'Associazione Lilium Polla
Chiesa della S.S. Trinità
Chiesa di S. Nicola dei Greci
Chiesa di S. Nicola dei Latini
Santuario e Convento di S. Antonio
Cappella di S. Rocco

Ore 17.00 Visite guidate gratuite a cura dell'Associazione Elogium 
Mausoleo di Caio Uziano Rufo
Elogium
Ponte Romano

È obbligatoria la prenotazione ai seguenti numeri di telefono: visite Associazione Lilium Polla 3201599269; visite Associazione Elogium 3357756341.

Programma altre attività:
Sabato 15 Giugno 

Ore 17.00 Piazza Parlamenti
"Caccia al Tesoro nel Centro Storico", a cura dell'Associazione Lilium Polla.
Prenotazione obbligatoria alla mail: ass.liliumpolla@gmail.com

Domenica 16 Giugno
Ore 17:00 Piazza Parlamenti
"Gli antichi giochi dimenticati", a cura del ForumComunale DeiGiovani Polla e delle Associazioni Sant’Antuniello, ASD Podistica Pollese, Soccer Fevian e I Ragazzi del Ponte.
Prenotazione obbligatoria alla mail: forumgiovanipolla@gmail.com

salerno Data/e: da 15 Giugno 2019 a 16 Giugno 2019 Costo: gratuito La pagina Facebook del Polla Folk Fest