Battipaglia. In scena la nuova stagione del Giuffré

Sette spettacoli in cartellone e tre appuntamenti extra uniti dal fil rouge della musica
di Redazione Ecampania.it - 04 Ottobre 2019

Tutto pronto per la nuova stagione del teatro sociale “Aldo Giuffrè” di Battipaglia che avrà inizio domenica 27 ottobre 2019 con una coppia tutta al femminile composta da Marisa Laurito e Fioretta Mari e chiuderà domenica 10 maggio 2020 con una farsa comica interpretata dal direttore artistico Vito Cesaro.

Nel mezzo, con un appuntamento al mese che traghetterà gli spettatori dall’inverno alla primavera, passeranno da Battipaglia Enzo De Caro, Pino Insegno, Nathalie Caldonazzo e Massimiliano Gallo.

Il nuovo cartellone prevede sette spettacoli in abbonamento.

Si parte domenica 27 ottobre con “Due donne in fuga” con Fioretta Mari e Marisa Laurito, tratto da “Le fuggitive” di Pièrre Palmade e Christophe Duthuron, per l’adattamento di Mario Scaletta e la regia di Nicasio Anzelmo. Si tratta di un'avventura che vede due donne, incontratesi per caso, viaggiare in autostop, una commedia dalle battute mai fini a sè stesse, che servono a costruire con ironia i caratteri delle due donne. 

Il 21 novembre sarà la volta della comicità partenopea con “Non è vero ma ci credo” di Peppino De Filippo con Enzo De Caro e la regia di Leo Muscato; una tragedia tutta da ridere, popolata da caratteri con nomi improbabili, versioni moderne delle maschere della commedia dell’arte. 

Il 15 dicembre, Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti saranno i protagonisti dell’adattamento teatrale dell’opera di Philippe Claudel, “Parlami d’amore” che mette in scena il rapporto tra uomo e donna nelle sue sfaccettature più vere, profonde ed intime di una coppia in crisi profonda di valori e di punti di riferimento.

“Casa di frontiera”, scritto e diretto da Gianfelice Imparato, andrà scena domenica 26 gennaio con Francesco Procopio, racconta di una famiglia del sud che si prepara al difficile esame di ammissione al nord in un’Italia divisa in due, dove i meridionali sono stai relegati in una specie di riserva come gli indiani d’America.

Il 1° marzo tocca a Pino Insegno con “58 Sfumature di Pino”, per la regia di Claudio Insegno. Uno spettacolo esilarante in cui si svela come la realtà si mischi spesso perfettamente alla finzione attraverso gli occhi di un uomo che fa della sua vita un film. ù

Il 22 marzo sarà la volta di Eduardo Saitta che firma ed interpreta “Alta Infedeltà”, un'opera in cui appuntamenti, appostamenti, intrecci amorosi, tradimenti, corteggiamenti e situazioni paradossali si susseguono ininterrottamente ed in modo esilarante divertendo il pubblico.

Chiude il cartellone, domenica 10 maggio, “La Zeza” con Vito Cesaro, la farsa comica con musiche da un canovaccio del ‘600 napoletano, scritta e diretta da Dora Liguori.

In aggiunta ai sette spettacoli in cartellone, la nuova stagione teatrale prevede anche altri tre appuntamenti: si parte il 9 novembre con “Circo Barnum”, il musical tratto da “The Greatest Showman”, il film del 2017 diretto da Michael Gracey che, al Giuffré, sarà riadattato da Vito Cesaro con la direzione musicale di Gaspare Di Lauri e le coreografie di Filomena Domini.

Il 4 gennaio tocca all’attore partenopeo Massimiliano Gallo che - in una veste del tutto inedita, accompagnato al piano da Mimmo Napolitano e al contrabbasso da Davide Costagliola - si esibirà in “Tutta colpa della luna”.

Sabato 8 febbraio, infine, andrà in scena “Mammanapoli Mood”, di e con Emiliano Di Martino, che svela al pubblico, attraverso il racconto di un giovane, una Napoli esasperata, raccontata e musicata.

Riprendono martedì 1 ottobre i corsi di recitazione, dizione, canto e movimento coreografico della scuola di teatro promossa dall’associazione Assoteatro presieduta da Ilaria Valitutto e diretta da Vito Cesaro che si avvale della collaborazione di Julia Prasse e Marina Ansalone. I laboratori teatrali sono aperti agli adulti ed ai bambini a partire dagli 8 anni di età.

Tutti gli spettacoli in abbonamento avranno inizio alle 18.30, escluso quello con Enzo De Caro che avrà luogo di giovedì alle ore 21.00, mentre gli spettacoli extra abbonamento cominceranno sempre alle ore 21.00.

Il costo dell’abbonamento che comprende i sette appuntamenti in cartellone è di 110 euro. Il costo dei biglietti singoli è di 20 euro. Previste riduzioni del 10% per under 12, over 65, iscritti a Cral e soci della Bcc di Battipaglia e Montecorvino Rovella.

Per la sottoscrizione dei carnet, il botteghino del teatro è aperto dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 20.00. È possibile acquistare i biglietti anche la sera stessa dello spettacolo.

salerno Data/e: da 27 Ottobre 2019 a 10 Maggio 2020 Pagina fb Teatro Giuffrè