Napoli. Presentata la Guida alle Pizzerie d’Italia 2018 di Gambero Rosso

Quinta edizione per la "bibbia" del buon gusto, tra new entry e volti noti in classifica
di Redazione Ecampania.it - 20 Settembre 2017
Napoli. Presentata la guida alle pizzerie d’Italia di Gambero Rosso

La cornice di Palazzo Caracciolo, a Napoli, ha ospitato la presentazione della "Guida alle Pizzerie d’Italia 2018" di Gambero Rosso, una vera e propria bussola per chi ama navigare il mare del buon gusto.

Sono ormai tantissimi, dal Piemonte alla Sicilia, i giovani che scelgono l’arte pizzaiola impegnandosi in un percorso di crescita e di scambio di esperienze, tutto a vantaggio dei consumatori: è questo il dato più interessante che emerge dalla quinta edizione della guida. Non è un caso, infatti, che proprio ai giovani sia dedicato il corso "Professione Pizzaiolo", organizzato dalla Città del Gusto di Napoli, in cui vengono analizzate e trattate tutte le tematiche relative al prodotto.

Basti pensare che alcuni dei nuovi "Tre Spicchi" sono tutti under 30: Marco Manzi di Giotto di Firenze (27 anni), Ciro Oliva di Napoli (25 anni), Alberto Morello di Gigi Pipa di Este (29 anni), Andrea Pechini dell’Agriturismo il Casaletto di Viterbo (26 anni), Gianluigi Di Vincenzo di Giangi’s Pizza di Arielli (27 anni)

Innovazione e tradizione: è questa la filosofia vincente con cui si sono state premiate le pizzerie del nostro amato stivale, come hanno sottolineato anche i tre pizzaioli di "casa nostra": Gino Sorbillo, Francesco Martucci e Gianfranco Iervolino.

Per Gino Sorbillo, ciò che conta di più è mantenere la tradizione seguendo però i dettami che vengono dall’innovazione in cucina, con pizzaioli sempre piu bravi nella sperimentazione di nuovi abbinamenti e nuove linee.

Cresce, dunque, complessivamente il numero delle pizzerie di qualità e dei giovani decisi ad investire seriamente nel mestiere e cesce anche l’impegno e l’attenzione per le intolleranze, glutine in primis, con l'assegnazione del premio per la migliore pizzeria gluten free  a Mezzometro Pizza di Senigallia, in provincia di Ancona.

Di seguito l'elenco dei premi assegnati.

Migliore Carta dei Vini e delle Birre: Pizzeria Gusto Madre di Alba (CN)

I Maestri dell’Impasto: Romualdo Rizzuti della pizzeria "Le Follie di Romualdo" di Firenze e Gianfranco Iervolino di "Morsi&Rimorsi" di Aversa (CE)

Migliori Pizze dell’Anno: "I Tigli" di San Bonifacio (VR), "Framento" di Cagliari, "Pizzeria Salvo da Tre Generazioni" di San Giorgio a Cremano (NA)

Migliori Pizze a Taglio dell’Anno: "Forno Brisa" di Bologna

Miglior Pizza Dolce: "Pepe in Grani" di Caiazzo (CE)

Quest'anno, la regione con il maggior numero di "Tre Spicchi" è la Campania (14)al secondo posto la Toscana (9)terzo posto al Lazio (7) che è, inoltre regione leader per la pizza in teglia con ben "Tre Rotelle".

a cura di Marco De Rosa e Giuseppe Scarica

napoli