Ercolano capitale italiana della cultura: istituito tavolo tecnico

Il sindaco Buonajuto: “Sfida difficile e affascinante, crediamoci insieme”

Un tavolo tecnico per sostenere la candidatura di Ercolano a capitale italiana della cultura 2016-2017. E’ quanto deciso nel corso della prima riunione che ha visto protagonisti l’amministrazione comunale, soggetti privati, consorzio Costa del Vesuvio e Federalberghi Costa del Vesuvio. Un punto, nell’aula consiliare di Ercolano, per serrare i ranghi e prepararsi a 15 settimane di impegno duro e lavoro continuo.  

“La sfida non è semplice – sono state le parole di Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano - creare ecosistema dove cultura e turismo devono essere solo una parte. E’ una sfida culturale, un progetto da presentare entro 15 settimane. Ma soprattutto è una sfida che devono sentire propria tutti i cittadini di Ercolano: bisogna far metabolizzare questa sfida a tutti specie ai ragazzi delle scuole e ai ragazzi non in linea con la legalità”.

Ciro Buonajuto ha le idee chiare: “L’ambizione è alta e una ipotetica vittoria può diventare uno strumento importante, senza dimenticare però che competitor tipo Spoleto e Mantova non sono da sottovalutare. La cosa che mi piace sottolineare è che la prima fase del progetto è stata scritta da ragazzi lontano dalle istituzioni, grazie a due assessori della giunta precedente che hanno creduto all'idea. Va ricordato anche che la città non vince se avrà approvato il progetto da un milione di euro, ma vince se accomuna la cultura alle cose belle ed importanti che ha nel suo territorio”.

Soddisfatta Adelaide Palomba, presidente di Federalberghi Costa del Vesuvio: “E’ stato importante questo primo passo, dal momento che ognuno darà il suo contributo per far si che il progetto possa essere scritto nei tempi che purtroppo  sono brevi. Questa è un’occasione importante per Ercolano che è una delle città più importanti di #costadelvesuvio: ma lo sarà per tutte le altre città che potranno beneficiare di riflesso delle opportunità che si potranno realizzare”.

napoli