Napoli. La Chiesa di Santa Teresa a Chiaia

La galleria fotografica dell'edificio religioso dedicato a Santa Teresa d'Avila
di Marina Indulgenza - 11 Ottobre 2017

La chiesa, realizzata su progetto di Cosimo Fanzago, fu consacrata nel 1664. La facciata si divide in due ordini: quello inferiore, scandito da paraste, e quello superiore, concluso da un coronamento mistilineo. Al centro dell’ordine inferiore vi è il portale d’ingresso sovrastato da una coppia di angeli che sorreggono Santa Teresa. Il terremoto del 1688, purtroppo, danneggiò parzialmente l’operato del Fanzago e la facciata – originariamente in piperno e muratura – fu ridecorata con stucchi di gusto barocco.

L’interno, a croce greca, è coperto a cupola e caratterizzato da molte opere di Luca Giordano. Sull’ingresso si può ammirare “Santa Teresa che si confessa a San Pietro d’Alcantara”, eseguito dopo il 1669; dello stesso periodo il dipinto raffigurante  “San Pietro d’Alcantara che appare a Santa Teresa”, custodito nella cappella di sinistra dell’altare maggiore. Al di sopra degli altari, rispettivamente a destra e a sinistra, “Riposo nella fuga in Egitto” (1664) e “San Gioacchino e Sant’Anna che istruisce Maria”.

Sull’altare maggiore è collocata una statua in marmo raffigurante Santa Teresa, opera dello stesso Cosimo Fanzago; nel coro, invece, vi è una Croce dipinta da Andrea Vaccaro.

napoli