Napoli. Riapre la Chiesa della Pietrasanta

Porte aperte dal 6 dicembre con una mostra curata da Sgarbi
di Redazione Ecampania.it - 04 Dicembre 2016
Napoli. Riapre la Chiesa della Pietrasanta

La città di Napoli si riappropria di uno dei suoi gioielli architettonici. Riapre al pubblico dal 6 dicembre 2016 la Chiesa della Pietrasanta, nel centro storico della città partenopea, con una prestigiosissima mostra curata da Vittorio Sgarbi dal titolo “I Tesori Nascosti Tino di Camaino-Caravaggio-Gemito”. L’allestimento sarà aperto al pubblico fino al 28 maggio del 2017. La mostra sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 20:00. Sabato e domenica dalle 10:00 alle 23:00. Da marzo 2017 l'orario si prolungherà fino a mezzanotte.

Santa Maria della Pietrasanta è la più antica chiesa di Napoli dedicata alla Vergine. Il toponimo si deve ad una pietra custodita al suo interno che se baciata, dava l'indulgenza. Sorse nel VI secolo d.C., nel luogo dove anticamente vi era un tempio dedicato alla dea Diana, protettrice delle donne e della caccia. Le sue seguaci erano conosciute con il nome di Janare (da dianare, sacerdotesse di Diana). La costruzione iniziò per volere del vescovo Pomponio nel 533 d.C. dopo che la Vergine gli apparve in sogno, chiedendogli di realizzare un santuario a lei dedicato. Il luogo scelto fu quello dove si dice fosse più forte la presenza del diavolo, il quale si insinuava nelle vite dei fedeli sotto le sembianze di un maiale. Da qui nacque l'usanza secondo la quale i vescovi erano soliti sgozzare scrofe affacciati alla finestra dalla Basilica. La pratica fu poi abbandonata perché ritenuta vergognosa.

La Chiesa fu riedificata nel corso del Seicento da Cosimo Fanzago, secondo i canoni barocchi, ulteriori modifiche furono apportate nel XIX secolo durante il quale il santuario fu anche utilizzato come caserma dei pompieri. Della prima costruzione voluta da Pomponio resta solo il campanile, che vanta il primato di essere il più antico d'Italia. E' una torre campanaria alta più di trenta metri, in stile romanico.

Il progetto odierno sulla Pietrasanta è stato avviato grazie all'affidamento in comodato d’uso della Curia Arcivescovile, all’Associazione Pietrasanta Polo Culturale, che ha preso in carico l’onere della valorizzazione dell’intero complesso dal 2011. Il recupero della chiesa si inserisce tra gli interventi del Grande Progetto UNESCO che ha destinato alla Pietrasanta €1.300.000,00 per il recupero della facciata, dell’auditorium, delle coperture, dell’altare di destra e per il restauro delle tele. Sono intervenuti anche dei privati, i quali nel 2015 hanno donato €800.000.00, con cui è stato possibile effettuare il recupero dell'ipogeo.

napoli Data/e: da 06 Dicembre 2016 a 28 Maggio 2017 Telefono: +3908119230565 , +393669391437 Il sito de I Tesori Nascosti