L’Odin Teatret e Roberta Carreri a Napoli

La lectio magristralis e lo spettacolo “Sale” saranno ospitati nello storico Teatro San Ferdinando
di Redazione Ecampania.it - 15 Novembre 2018

I viaggi di Capitan Matamoros - Drammaturgie della scena, il Festival Internazionale della Commedia dell’Arte, organizzato da coop. En Kai Pan e in programma a Napoli fino a dicembre 2018 - entra nel vivo della programmazione con uno degli eventi più attesi: il ritorno a Napoli dell’Odin Teatret con Roberta Carreri, che sarà impegnata in una lectio magistralis per il ciclo “La maschera nella contemporaneità” aperta al pubblico martedì 20 novembre alle 17.00 e nello spettacolo “Sale”, per la regia di Eugenio Barba, in scena giovedì 22 alle ore 21.00.

Entrambi gli eventi saranno ospitati all’interno dello storico Teatro San Ferdinando, grazie al patrocinio del Comune di Napoli.

Roberta Carreri è uno dei membri storici del gruppo internazionale, nato nel 1964 in Norvegia e poi trasferitosi in Danimarca, a Holstebro. Entrata a farvi parte nel 1974, durante un altrettanto storica residenza del gruppo in Puglia, a Carpignano, Carreri, oltre a essere presente come attrice negli spettacoli principali, si occupa anche di formazione, conducendo l’Odin Week, e prendendo parte alle sessioni dell’ISTA (International School for Theatre Anthropology) fin dal 1980.

La presenza di un gruppo storico come l’Odin Teatret in un Festival dedicato alla Commedia dell’Arte s’inserisce pienamente nella linea dichiarata dal direttore artistico Luca Gatta per questa quinta edizione, dedicata al rapporto tra tradizione e ricerca, nel solco di un artigianato teatrale “espressione di un teatro antropologico che travalica le barriere letterarie per diventare esperienza umana, relazione, rappresentazione ed emanazione degli archetipi che riescono a comunicare oltre la parola”.

“La maschera nella contemporaneità”, il primo appuntamento, è un meeting internazionale, nato all’interno dell’edizione 2016 del Festival e dedicato al confronto tra tradizione e ricerca in un’ottica transculturale, organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”.

Per questa edizione Roberta Carreri terrà una lectio magistralis in cui ripercorrerà le tappe fondamentali del suo lavoro: il training, la ricerca antropologica, gli spettacoli e il sodalizio artistico con Torgheir Wethal, scomparso nel 2010.

Al termine dell’intervento, il direttore artistico Luca Gatta consegnerà alla Carreri il Premio Matamoros alla Carriera, una creazione originale dello scultore napoletano Salvatore Scuotto, selezionato attraverso una call estesa nei mesi scorsi agli artigiani e agli artisti campani.

Giovedì 22 novembre andrà in scena “Sale” per la regia di Eugenio Barba, con Roberta Carreri e Jan Ferslev. Lo spettacolo - basato sulla novella “Lettera al vento” in “Si sta facendo sempre più tardi”, il romanzo epistolare di Antonio Tabucchi - è un’odissea al femminile.Da un’isola all’altra del Mediterraneo una donna viaggia alla ricerca dell’amato scomparso. Un fantasma la accompagna e la dirige in una danza sempre più vicina alla consapevolezza di una definitiva lontananza.

napoli Data/e: da 20 Novembre 2018 a 22 Novembre 2018 Costo: "Sale": intero € 20,00 | ridotto studenti € 15,00 Telefono: 339 623 5295 "I viaggi di Capitan Matamoros" su Facebook, Il sito web de "I viaggi di Capitan Matamoros", La pagina Facebook di Odin Teatret