Ercolano. Le Scuderie di Villa Favorita ospitano la mostra di Aldo Salatiello

Il pittore partenopeo espone con "Simbologia delle Linee" fino al 7 maggio 2017
di Redazione Ecampania.it - 19 Aprile 2017
Ercolano. Le Scuderie di Villa Favorita ospitano la mostra di Aldo Salatiello

In programma per venerdì 21 aprile alle ore 18.30 l'apertura della mostra “Simbologia delle Linee” dell’artista Aldo Salatiello, a cura di Rosario Pinto, presso le Scuderie di Villa Favorita di Ercolano fino al 7 maggio 2017.

Indicative le parole di Rosario Pinto: “Ad osservare in profondità la personalità di artista di Aldo Salatiello, ad andarne a cercare le ragioni prime degli ottenimenti attuali, procedendo, cioè, a scavare nella sua storia, si trova l'affermazione di una linea d'intendimento che si è srotolata nel tempo, annunciando costantemente e coerentemente l'affermazione d'una prospettiva analitica del reale fenomenico. Nel corso degli attraversamenti e delle trasformazioni che hanno segnato il percorso di Aldo Salatiello si è manifestata sempre, infatti, un'insopprimibile esigenza: quella di aver conto del fatto che il reale fenomenico ha una sua imprescindibile strutturazione che costituisce l'ossatura delle cose ed alla cui ricerca l'artista sa di dover rivolgere i propri sforzi disvelativi”.

Il pensiero del critico d’arte Giovanni Cardone è chiaro: “Aldo Salatiello ha elaborato il proprio linguaggio artistico con lucidità e con sicurezza. Le sue opere riflettono una ricerca coerente ed attenta, culminante in lavori pregevolissimi nei quali la pulizia del segno viene ad essere elemento centrale di equilibrio; il contrasto cromatico, talvolta discreto, talvolta più vivace, è parte integrante delle composizioni e spesso ne determina l'atmosfera.”

E ancora: “Quasi all'improvviso, con forza e con franchezza, l'arte di Aldo Salatiello si rivela infatti assai vicina alla nostra comune sensibilità: il suo racconto per immagini si inserisce nel patrimonio collettivo delle visioni quotidiane, verso un personale, intenso a tratti onirico, ma essenzialmente riconoscibile e quindi condivisibile, diretto universo di umane sensazioni. Aldo Salatiello  è dunque un vigoroso, originale cantore della comune nostra umanità. è un artista, un artista vero: come un medico attento e appassionato, egli sa vedere, sentire, meditare; sa prestare attenzione anche al dettaglio. E sa infine comunicare, raccontare. È pienamente, autenticamente, intimamente artista: se non fosse un pittore, Salatiello sarebbe di certo un poeta, un grandissimo, franco, denso narratore".

a cura di Luigi Izzo

napoli Data/e:
da 21 Aprile 2017 a 07 Maggio 2017
Costo: gratuito