Pompei. La Casa di Cecilio Giocondo rivive in un 3D svedese

L’Istituto Svedese per gli Studi Classici di Roma ha illustrato il progetto agli scavi
di Redazione Ecampania.it - 17 Settembre 2014
La ricostruzione della Casa di Cecilio Giocondo a Pompei

House of Caecilius Iucundus from Sci-News.com on Vimeo.

E’ stato presentato all’Auditorium degli scavi di Pompei nel corso di una giornata di studi dedicata il progetto Swedish Pompeii Project programma di ricerca e documentazione digitale dell'insula V,1 dell’area archeologica a cura dell’Istituto Svedese per gli Studi Classici di Roma e diretto dalla Professoressa Anne-Marie Leander Touati, dell’Università di Lund, Svezia.

Il progetto relativo ad attività di scavo e documentazione, condotto in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia, si è basato su un utilizzo intenso delle tecnologie informatiche, consentendo mediante uso di strumenti di scansione 3D a interferenza di fase e riprese fotografiche, la digitalizzazione dell'intera insula e in particolare della Casa di Cecilio Giocondo

Il progetto di scansione e visualizzazione è stato realizzato grazie ad una collaborazione di ricerca tra l’Università di Lund e il Visual Computing Lab, CNR, Pisa. Il modello finale (con una risoluzione di un punto ogni 1 cm circa) ha prodotto la ricostruzione 3D dello stato attuale degli edifici, consultabile sul web e sulla piattaforma CNR “3DHOP” .

 La peculiarità dello Swedish Pompeii Project, è anche di fornire un supporto per la definizione di un metodo per la gestione dell'intero processo di documentazione e restauro degli edifici  delle strutture appartenenti all'insula V 1, attraverso l’utilizzo di una piattaforma GIS 3D e il confronto tra analisi visuale e scientifica delle strutture e i modelli tridimensionali,  al fine di individuare in maniera automatica le criticità e definire un ordine di priorità degli interventi mirati alla salvaguardia del manufatto.

Alla giornata di studio hanno partecipato il Soprintendente Massimo Osanna, il Direttore dell’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, Kristian Göransson, la Direttrice dello Swedish Pompeii Project, Prof. Anne-Marie Leander Touati, il Direttore del Visual Computing Lab, CNR, Roberto Scopigno, i funzionari della Soprintendenza e vari ricercatori dell’Università di Lund e del CNR di Pisa.