Mozzarella Dop: scontro tra Campania e Puglia

Consorzio Mozzarelle di Bufala Campana annuncia una battaglia legale
di Redazione Ecampania.it - 11 Settembre 2017
Mozzarella Dop: scontro tra Campania e Puglia

“Incarico agli avvocati. Si tratta di un atto doveroso  a difesa del nostro marchio, dei nostri produttori e soprattutto dei consumatori, che sarebbero in gran confusione se in commercio trovassero una nuova mozzarella Dop”. Lo fa sapere Domenico Raimondo, Presidente del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 28 agosto scorso degli atti per il riconoscimento della nuova denominazione di origine protetta "Mozzarella di Gioia del Colle"

Si profila così un lungo contenzioso tra Campania e Puglia. Il tutto nasce dalla richiesta dei produttori di mozzarella di Gioia del Colle per ottenere il riconoscimento dalla “Comunità Europea” del marchio DOP per la loro mozzarella che viene prodotta con latte vaccino.

Il Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana DOP, già iscritto nel registro delle DOP della Unione Europea già dal 2012, contesta questa iniziativa ravvisando che si possa generare confusione tra i due prodotti la “Mozzarella di Bufala Campana DOP”, ottenuta esclusivamente con latte di bufala nell’area Campana, e la “Mozzarella Dop Gioia del Colle”, prodotta in Puglia con latte vaccino.

La differenza, lamentano i produttori campani, sta quindi nella mancata indicazione della natura del latte (vaccino) del prodotto pugliese, che non consentirebbe di distinguere subito la materia prima utilizzata diversa da quella utilizzata e dichiarata per la Mozzarella di Bufala Campana DOP. Questa ultima così verrebbe danneggiata dall’uso di un nome, anche parzialmente omonimo, che creerebbe fraintendimenti  sulla tipologia di latte utilizzato e a discapito dei consumatori.

“Così non si è rispettato chi sul marchio Mozzarella di Bufala Campana DOP  ha investito per decenni  – afferma Antonio Lucisano ex Direttore del Consorzio della MBCDOP.  Tra equivoci e confusione la filiera agricola e produttiva della DOP Campana perderà quote di mercato. Chi pagherà? Come farà il consumatore americano o francese a stabilire la differenza che passa tra prodotti con lo stesso nome?”.

a cura di Claudio Di Giorgio

caserta