Gragnano vince il Cake Fest Italia: “Che gioia conoscere Ardovino”

L’intervista a Cinzia Vivo, vincitrice del concorso per cake designers svoltosi al Belvedere di San Leucio
di Marco De Rosa - 01 Novembre 2014
Gragnano vince il Cake Fest Italia: “Che gioia conoscere Ardovino”

“Non pensavo di vincere. Non solo l’ho fatto ma ho anche conosciuto Renato Ardovino”. E’ la soddisfazione che Cinzia Vivo, artista nativa di Gragnano in provincia di Napoli, mostra in tutta la sua felicità, per aver vinto il “Cake Fest Italia” al Belvedere di San Leucio, nel casertano: un appuntamento unico nel suo genere, interamente dedicato al mondo del Cake Design e della pasticceria, alla creatività ed al confronto tra le varie tecniche ed i diversi stili dei migliori Cake Designer e SugarArtist italiani e internazionali. Una rassegna che ha avuto, come ospite d’eccezione, come detto, Renato Ardovino, il celebre boss di “Torte in corso”, il programma che va in onda su Real Time che ha conquistato migliaia di italiani. Ma andiamo con ordine.

Cinzia Vivo, diplomata all’Istituto d’Arte “Grandi” di Sorrento, ha frequentato l’Accademia di belle arti di Napoli, specializzandosi nella pittura: “Amo dipingere – ci spiega Cinzia - e mi piace lavorare soprattutto con l’argilla, attraverso il modellato. Da qui, si può dire è nato tutto”. Ed è proprio due anni fa, quasi per gioco, che è rimasta affascinata dal cake designing, arrivando alla prima creazione di un personaggio nell’agosto del 2013, ovvero la riproduzione di Jessica Rabbit, del celebre fumetto ideato da Gary Wolf: “Dapprima ho iniziato a ricoprire solo le torte facendo delle piccole decorazioni, per un’amica, che voleva una torta un po’ particolare per il compleanno della loro bambina. Comprarono un panetto di pasta di zucchero ma non sapevano cosa farne. Chiamarono me… e da allora fu amore a prima vista. Per il mio compleanno, per evitare di rovinare tutto, composi una creazione e la posizionai al di sopra di uno strato di pan di spagna farcito: così ebbi modo di togliere la creazione – che Cinzia ha ancora gelosamente conservata – e far mangiare ai miei ospiti la parte restante della torta. Di certo, ho dovuto partecipare ad un corso: non ero a conoscenza delle tecniche che bisognava usare. Da qui la creazione del mio primo personaggio, Jessica Rabbit, che custodisco gelosamente”. Lecito domandarsi se abbia conservato tutte le riproduzioni che ha fatto finora, per pura passione: “Le dummy cake ovviamente no, perché sono finte. Le altre invece – dice sorridendo -, se non le mangio tutte, le conservo molto meticolosamente”.

Ed eccoci al concorso (clicca qui per andare alla photogallery dell'evento): bisognava inviare delle foto di alcune creazioni, entro il 30 settembre 2014, dopodiché la giuria ha provveduto ad una selezione che andava a comporre la partecipazione al Cake Fest Italia di San Leucio. Cinque giorni prima del grande evento Cinzia Vivo inizia la preparazione, lavorando anche di notte, quando di giorno veniva presa dai suoi impegni. Partecipa al contest della serata, dal titolo “Il mondo visto con gli occhi di un clown” attraverso una torta ispirata al film del grande Federico Fellini, “I clowns”. Ecco allora la spiegazione del capolavoro: “Il primo piano della torta rappresenta la prima scena del film, quando il bimbo resta esterrefatto guardando il tendone. Il secondo piano della torta rappresenta l'ultima scena del film, dove il clown, suonando la tromba, chiama l'amico collega bianco, purtroppo morto, ma lui magicamente compare ed iniziano a suonare insieme. Il cilindro nero in alto ha l'immagine del manifesto del film, mentre le ali sono le stesse che indossano i clown in una scena centrale del film. Sul secondo piano c'è anche la foto di Fellini. E’ stato un impegno molto duro perché ho dovuto prestare molta attenzione ai particolari”.

Ed eccoci al momento della special guest, Renato Ardovino, celebrato addirittura con una creazione di Cinzia Vivo, che ha riprodotto fedelmente la fisionomia del “boss” delle torte: “Questa creazione me l’ha chiesta il negoziante da cui vado a prendere le paste di zucchero per le mie torte. Mi disse che aveva installato uno stand alla rassegna di San Leucio. E mi ha proposto di fare una sorpresa. Ho accettato con entusiasmo ed è stato bellissimo ricevere i suoi complimenti”. Nonostante la ressa incredibile, infatti, il maestro Renato si è soffermato compiacendosi della cura con cui era stata preparata la torta e si è lasciato andare a qualche complimento e a qualche foto. “Ogni piano rappresenta un pezzo di alcune torte fatte da Renato. Un modo carino per fare una sorpresa per chi, in questo ambito, è il re indiscusso”.

Eccoci allora alla domanda fatidica. Come coltivare questa arte? “Mi piacerebbe affiancare qualche pasticciere che voglia abbellire le sue creazioni, collaborare con loro. Alcuni invece mi hanno chiesto di istituire dei corsi. Mi piacerebbe fare entrambe le cose. Al momento ci sto pensando, potrebbe essere un’idea da sviluppare”.

Nel frattempo, Cinzia Vivo si gode la sua vittoria al Cake Fest Italia: “Ho vinto la partecipazione alla finale di una rassegna nazionale, dal titolo The Sweet Show, che si svolgerà a Scandicci in provincia di Firenze il 28 e 29 marzo prossimi. Non sono ancora a conoscenza del tema della rassegna. Non vedo l’ora di partecipare”. Non possiamo non fare il tifo per lei!

caserta, napoli