L'arte della pizza napoletana è patrimonio UNESCO

L’annuncio del ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina
di Giuseppe Scarica - 07 Dicembre 2017

Con voto unanime la pizza napoletana è stata riconosciuta dall’UNESCO patrimonio dell’umanità. Il voto unanime alla mozione è stato annunciato dal ministro Maurizio Martina sul suo profilo Twitter in toni trionfali “Vittoria! Identità enogastronomica italiana sempre più tutelata nel mondo”, ha scritto l'esponente del Governo Gentiloni.

L’UNESCO nella mozione votata, ha riconosciuto che la creatività alimentare del pizzaiolo della comunità napoletana, legata alla pizza, sia dunque da tutelare ed è unica al mondo. 

"Congratulazioni Italia", ha twittato invence l'Unesco annunciando l'inserimento dell'arte del pizzaiuolo napoletano nella "lista dei patrimoni culturali intangibili dell'umanità”.

Per l'organismo internazionale, si legge nella decisione, "il know-how culinario legato alla produzione della pizza, che comprende gesti, canzoni, espressioni visuali, gergo locale, capacità di maneggiare l'impasto della pizza, esibirsi e condividere è un indiscutibile patrimonio culturale".

Soddisfazione è stata espressa via Twitter anche dal ministro per i Beni culturali Dario Franceschini, ieri al Museo di Capodimonte per tifare insieme ai pizzaioli napoletani: "L'arte dei pizzaiuoli napoletani èPatrimonio Immateriale dell'Umanità!  Un riconoscimento per Napoli e l'Italia intera mentre sta per iniziare il 2018 #annodelciboitaliano #PizzaUnesco"

avellino, benevento, caserta, napoli, salerno