Cosa fare nel ponte della Liberazione in Campania

Alla scoperta della nostra regione, tra itinerari, eventi e monumenti
di Giuseppe Scarica - 21 Aprile 2017

Dopo i consigli di Pasqua e Pasquetta, che speriamo abbiate gradito, vi proponiamo una guida per vivere al meglio il lungo fine settimana dedicato alla festa della Liberazione. Tanti eventi in programma e tanti giorni a disposizione per altrettanti luoghi da visitare, sono gli ingredienti ideali per una ricetta che ha, alla base, sempre la nostra Campania.

Perchè non approfittare del "primo sole" di stagione in spiaggia, un toccasana dopo un lungo inverno per le famiglie con bambini desiderosi di vivere il mare, scegliendo tra la costiera Sorrentina, quella Amalfitana e il Cilento . Un passeggiata “giù Sorrento”, come cantava Pino Daniele, magari a Marina Grande, set di numerosi film, oppure a Ischia, la mamma delle isole del golfo, tra sorgenti termali e spiagge nascoste.

Per gli amanti della gita fuori porta e del pic nic (vi consigliamo due gustose ricette da preparare e portare con voi: casatiello dolce o salato e la frittata di pasta) vi segnaliamo, in provincia di Napoli, una tappa "classica" al Monte Faito, raggiungibile solo da Via Bosco a Vico Equense, per una scampagnata sulla vetta dei Monti Lattari e per ammirare lo splendido panorama delle due costiere dall’alto dei mille metri. In alternativa, potete sempre scegliere il Vesuvio, che propone una serie di itinerari tra aree verdi e sentieri. Da tenere in considerazione anche i parchi di Napoli, come il Virgiliano, a strapiombo su Posillipo. Maschio Angioino e i suoni nuovi percorsi sotterranei aperti in via straordinaria anche martedi.

In provincia di Caserta, vi consigliamo una bella gita fuori porta nel borgo di Caserta Vecchia, che si può abbinare a un pic nic nelle zone verdi, in una delle numerose osterie oppure in uno dei stupendi borghi della provincia, come Pietramelara, Vairano Patenora, Piedimonte Matese o tra Teano e San Pietro, tra colline verdi e prati incantati ricchi di aria salubre e tante aree attrezzate tra vigneti e colline . Quest'anno sarà possibile anche visitare i giardini della Reggia di Caserta, che riaprono dopo ben 25 anni: vietati i pic-nic e la possibilità di giocare a pallone.

In provincia di Benevento, le zone ideali per una giornata all’aria aperta sono Taburno e il Telesino, ma se volete ammirare la bellezza architettonica e paesaggistica del Sannio e godere dei piaceri dell’enogastronomia vi consigliamo i borghi di Cusano Mutri, Solopaca (con le sue cantine e il museo enogastronomico), San Marco dei Cavoti e le bandiere arancioni di Sant’Agata de Goti e Cerreto Sannita. 

Eventi e sagre

L’evento principe del ponte è la festa della Madonna delle Galline a Pagani, tra balli, tradizione e religione una festa che richiama da sempre migliaia di visitatori mentre ad Acerra si va all’assalto del castello baronale. Un week end d’arte e storia da non perdere con l’apertura straordinaria del Museo di Capodimonte e del Salvator Mundi di Leonardo da Vinci. Tornano, su prenotazioni, le visite domenicali alla Reggia di Carditello.

A Santa Maria a Vico è in programma una sagra dedicata a pettole e fagioli, mentre, a Squille, sempre nella provincia casertana, sono gli asparagi i veri protagonsti.

Tempo di carciofi e sagre in corso sia a Gromola, nel salernitano, che nel cuore del Cilento, ad Auletta. In tema di tipicità uniche al mondo ,da non perdere è la festa della salsiccia rossa a Castelpoto e la sagra delle antiche taverne a Pozzuoli.

avellino, benevento, caserta, napoli, salerno Data/e:
da 21 Aprile 2017 a 25 Aprile 2017
La nostra sezione itinerari